Home

lunedì 11 aprile 2022

Traverse Trail ++

Itinerario in bassa valle ben pedalato ma dai contenuti tecnici in discesa notevolmente elevati.

Dopo la scarlingata di Febbraio al Crabun W torniamo come promesso sul Traversetrail appena dopo la gara di domenica scorsa quindi con sentieri impeccabilmente puliti. Ammortizziamo la trasferta con dello scouting inedito ancora sopra Issogne che tante soddisfazioni ha regalato in passato.

Start culturale dal Ponte Antico di Echallod 350 m, parcheggio comodo ed isolato anche x bivacco ma no acqua. Salita sciallo passando marginalmente da Arnad ed evitando i tagli mortali della mulattiera (tranne il primo) su bitume deserto fino alla bellissima e panoramica frazione di Echallogne 1350 m. Super easy.

Discesa ON: oggi siamo allo scapicollo belli freschi quindi non ci sono attenuanti e possiamo dedicarci in toto al trialismo Hard Core. Pronti via e dopo 2 m si parte subito con bella S tecnica per poi con qualche su e giù traversare verso il by pass della frana (risalitina in portage) ancora assaggiando passaggi non trascurabili. I prossimi 500 m sono costantemente esoterici nel senso proprio che possono piacere solo ai discepoli del Disagio lento, tecnico e hyper trialistico. Sentiero perfetto ma difficoltà oltre il fondo scala con punti della morte millimetrici. Tornanti, gradoni, esposizione e trappole varie impongono molte pause di studio e di prova e riprova. Una sfida continua che richiede calma e molto tempo (la discesa dura più della salita !). Appena dopo Languesse 1050 m le indicazioni non sono evidenti (stiamo percorrendo il trail al contrario) quindi meglio tenere la destra per pochi metri di risalita, mentre noi ci siamo complicati la vita scendendo e poi risalendo. Sono solo qualche decina di metri di D- ma molto belli e da non perdere.
Dai 950-1000 m finalmente molla e diventa umano ma sempre impegnativo, qui la puliza dell'organizzazione del trail è determinante altrimenti sarebbe invaso da 2 spanne di foglie.
Boja Faüss ! Il bacio all'asfalto è imperdibile.
Dopo una scarlingata del genere la risalita a Champurney sembra il lungomare di Cattolica.
Se non ne avete ancora basta o se siete in zona per la prima volta consiglio di proseguire fino a dopo Sale 1100 m e collegarsi a questo vv trails visey vert. La traccia invece esplora il sentiero Balteo su mulattiera semplice ma piacevole con tratti veramente spettacolari su roccioni levigati da FdG giù fino ad Arnad.
Trasferimento ripassando all'auto per cambio pannolone e via. Attraversiamo il ponte verso Issogne, 3 km di bitume e tagliamo prima di entrare in paese su rattoni a doppia cifra fino alla solita e oramai noiosa salita verso Pianfey 900 m. Qui lasciamo la strada e su ottimo ed ancora pulito sentiero ci dedichiamo per un paio di km e 3-400 m a nano pedale, qualche spintarella e tonificante portage. Degni di nota alcuni tratti ripidi magistralmente protetti e tracciati dove si passa al pelo con la bici a sbalzo. Scolliniamo su radure una prima volta a Crehta tagliando la discesa fatta qualche anno fa qui Giro 2 Castelli e poi definitivamente a Petit Perlo 1200 m ultimo gpm di giornata. Bellissimo luogo panoramico e con casette ancora frequentate. "Com'è il sentiero giù di là ?" chiedo ad uno dei proprietari. "Per l'amor di dio non puoi scendere di li ! ".  Bene, Zo de lè !

Discesa2 ON: rispetto alla mattina è sicuramente più semplice ma in ogni modo FBL ! Sentiero ben tenuto e anche questo appena pulito, #chettelodicoaffare . Niente facile. Ostacoli, ripidi e tornanti a ripetizione ma comunque relativamente scorrevoli, allietano il pomeriggio. 2 punti della morte da fare con estrema cautela non tanto per difficoltà ma per esposizione. Scendendo si ammorbidisce un filo e concede pausa a Ronchas 850 m. Poi man mano il ST si trasforma più in mulattiera pietrosa ma sempre bella tosta senza sprecare neanche un metro fino a Echallod. 800 m di goduria teNNica con gambe e braccia a perdere a fine giornata.

In conclusione: itinerario primaverile con logistica comoda e qualità valdostana ma sicuramente fuori dagli schemi consueti della bicicletta della montagna.

Stay Wild
#JAGTeam
#ciclodisagio

Distanza: 29 km
Dislivello: 2150 m
Tempo: 8 h
Difficoltà tecnica: Molto difficile++
Condizione fisica: Duro
Traccia Gps: Traverse Trail ++


























Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il commento